Con oltre 1.3 milioni di presenze nel 2023 e più di 15mila accessi all’infopoint cittadino, Sirmione (Brescia) è una delle mete turistiche più importanti affacciate sul Lago di Garda. Per venire incontro alle esigenze dei turisti il Comune ha da poco implementato due strumenti per migliorare l’esperienza e fornire informazioni chiare grazie all’intelligenza artificiale. Sul portale ufficiale visitsirmione.com è infatti stato introdotto un chatbot basato sull’AI, in grado di parlare 80 lingue e pensato per dare suggerimenti alle persone prima, durante e dopo il loro soggiorno. Basta porre una domanda nella chat per ottenere la risposta. Grazie poi alla raccolta di quesiti e dubbi scritti dai turisti che, lo scorso anno, provenivano da 40 Paesi differenti, l’amministrazione ha anche modo di sondare che cosa non è chiaro nella comunicazione e dunque porvi rimedio.

A City Vision abbiamo parlato diverse volte di intelligenza artificiale nel 2024. Una tappa territoriale verticale sul tema è stata quella di Milano, negli spazi del MIND con un tavolo di lavoro dedicato all’AI City. Uno degli aspetti critici emersi durante l’incontro è che per implementare soluzioni di AI non servono soltanto investimenti, ma soprattutto personale e competenze adeguate. C’è poi il tema della capacità della PA di attrarre e trattenere i talenti in questo settore: convincerli a lavorare nel pubblico resta una sfida per il futuro delle città intelligenti.

Tornando agli aggiornamenti da Sirmione, l’altro strumento è Urban Genius, un software il cui compito è il monitoraggio delle presenze all’interno del territorio comunale grazie ai dati della rete mobile. Nel rispetto della privacy e della GDPR, l’amministrazione può capire la fascia di età, il genere e la nazionalità delle persone presenti sul territorio. C’è poi anche la funzione che permette di monitorare i principali flussi all’interno del comune. Agli Stati Generali delle città intelligenti, in programma il 21 e 22 ottobre a Padova, parleremo anche di intelligenza artificiale e di PA, di come questa tecnologia possa essere utile per velocizzare i servizi e migliorare la comunicazione tra enti e cittadini.

PARTNER

In collaborazione con

Community Partner

Con il patrocinio di

Un progetto di

Privacy Policy