Ampliare le aree verdi è uno degli obiettivi prioritari delle città. Per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030 e abbattere le emissioni provocate dal traffico automobilistico (e non solo), sindaci e sindache in tutto il mondo hanno inaugurato bandi pubblici e gare per riqualificare grandi aree dove far sorgere parchi da restituire alla cittadinanza. Quando però lo spazio è poco si può lo stesso fare qualcosa. Il comune di Atene ha infatti deciso di puntare anche sul modello dei pocket park, parchi tascabili. In altre parole: molto piccoli, posizionati in aree della città sottoposte a problemi legati al degrado e all’assenza di aree di incontro. Dove una piccola azione non cambia molto, ma è un inizio.

I parchi tascabili di Atene sono un esempio di politiche urbane concrete che in City Vision trovano sempre spazio per il dibattito. Il modello risale addirittura all’immediato secondo dopoguerra, quando nella fase di ricostruzione privati e aziende hanno donato fondi per realizzare queste piccole aree verdi e ricominciare. Da diversi anni iniziative di questo tipo hanno ripreso piede nella capitale greca (qui trovate una video inchiesta della Reuters). Di fronte alla crisi climatica in corso la presenza di parchi e aree verdi è fondamentale soprattutto a livello urbano perché contribuisce a ridurre il fenomeno delle isole di calore.

Per dare un’idea di quanto possono essere piccoli i parchi tascabili di Atene, alcuni non superano in superficie lo spazio occupato da sei parcheggi auto. Potrebbe apparire un intervento poco efficace, ma aree di incontro contribuiscono in realtà ad avviare il cambiamento, introducendo peraltro un elemento di bellezza che sarebbe sciocco banalizzare. Agli Stati Generali delle città intelligenti, in programma il 21 e il 22 ottobre 2024 a Padova, parleremo senz’altro di come le città si stanno attrezzando per la trasformazione intelligente del territorio, privilegiando soprattutto quei progetti – non importa se piccoli o grandi – che generano un impatto positivo nella vita delle persone.

PARTNER

In collaborazione con

Community Partner

Con il patrocinio di

Un progetto di

Privacy Policy