È l’uomo dietro al successo di Matera Capitale Europea della Cultura. Paolo Verri, esperto in sviluppo urbano e grandi eventi, ha ricoperto il ruolo di direttore generale della Fondazione Matera Basilicata 2019, contribuendo a organizzare un calendario di appuntamenti non soltanto nella città dei Sassi, ma in tutti i 130 comuni della Basilicata. «In tre anni abbiamo investito 20 milioni di euro: ogni giorno c’erano dai due ai quattro appuntamenti. Siamo partiti dai neuroni collettivi e non dai mattoni». In questa intervista a City Vision, Verri ci ha offerto il suo punto di vista sulle città di oggi e di domani, su quel che occorre fare per la ricostruzione degli spazi di incontro e delle relazioni tra le persone. «Lo sviluppo culturale è la base – ha premesso. – In Basilicata non è stato concepito come leisure, come tempo libero successivo alla ricchezza». Per costruire il successo di contenuti e di posizionamento di Matera 2019 è servita programmazione. «Quando abbiamo cominciato, ormai dieci anni fa, è stata sorprendente la capacità di costruire governance urbana orizzontale. Non era apolitica: il presidente della Regione e il Sindaco hanno avuto la capacità di mettere insieme tutti. Hanno costruito una visione condivisa, che fosse vantaggiosa per Matera e il territorio».

Due anni dopo lo scoppio della pandemia, la ripresa degli eventi in presenza ha ridato linfa al settore. Le tracce di quanto vissuto, però, ancora si notano. A Verri abbiamo chiesto quale sia l’aspetto che, ad oggi, più lo colpisce delle città. «C’era già una tendenza in corso: mi riferisco alla caduta verticale dei corpi intermedi. La disaggregazione della società era molto potente e la pandemia l’ha completata. Sì, la pandemia ha completato il fenomeno di disaggregazione. L’individuo è ormai autoreferenziale e fa poco riferimento a gruppi. Ecco perché il lavoro culturale odierno comporta la ricostruzione minuziosa dal basso all’alto e dall’alto verso il basso. Intendiamoci: non si può pensare che siano soltanto le istituzioni a fare lo sforzo. Anche i cittadini vanno coinvolti».

Su City Vision raccontiamo i trend che vanno a definire i nuovi spazi urbani, dove tecnologia e intelligenza umana si incontrano per il beneficio di tutti. Secondo Paolo Verri il futuro delle città non può prescindere dai luoghi di incontro e, soprattutto, dalle occasioni pubbliche che fortificano e identificano le comunità. Gli eventi, in poche parole. «L’evento esiste nelle città occidentali da sempre – ha commentato l’esperto -. Le città sumere, egiziane, fenicie, greche e romane avevano date entro le quali succedevano cose». Fino al 2020 nessuno avrebbe messo in discussione i più grandi eventi nazionali e internazionali. Poi, uno dopo l’altro, sono stati tutti cancellati. «La pandemia ha messo in luce un tema chiave: non è un problema di risorse ma di progetto». A questo punto Verri ha individuato una lacuna che, a suo modo di vedere, pesa sullo sviluppo urbano in Italia. «Ci manca da anni un Dipartimento delle aree urbane. Ed è uno dei motivi per i quali sono scettico rispetto al PNRR per come è stato adottato: le risorse andranno a progetti scollegati tra loro. Avrei preferito un grande dibattito sui bisogni sia delle aree urbane sia delle aree interne. Purtroppo facciamo troppa progettazione e pochissima programmazione».

Come vi abbiamo raccontato su City Vision, uno dei modelli di cui più si parla per le città del futuro è quello della città dei 15 minuti. Cosa ne pensa Verri, che ha raccolto nel suo libro Il paradosso urbano – Nove città in cerca di futuro buona parte della propria esperienza in giro per il mondo? «Se c’è una cosa che l’Italia deve sviluppare, soprattutto al Sud, è aumentare la velocità della comunicazione infrastrutturale. Al tempo stesso bisogna rallentare la velocità all’interno dei vari nodi». In buona sostanza: i collegamenti tra città devono aumentare in qualità e quantità, mentre all’interno dei centri il modello va ripensato. «Le auto all’interno di quelle aree hanno senso che si muovano se a basso costo, per le popolazioni che invecchiano. Le città dei 15 minuti è ideale per la silver economy».

Sulle smart city City Vision si propone come piattaforma di notizie e di confronto tra gli amministratori, le aziende e gli esperti. Proprio in merito alla formazione nelle PA, Paolo Verri ha concluso con un auspicio. «Bisogna sviluppare la capacità di costruire comunità educanti e comprendenti. Cassa Depositi e Prestiti, per esempio, dovrebbe essere un luogo non soltanto dove si progetta, ma dove periodicamente si fanno incontrare amministratori e investitori per fare politiche. Con una visione pre competitiva. Occorre un approccio laico e, torno a ripetere, bisogna riattivare un Dipartimento aree urbane come luogo di elaborazione di pensiero sul futuro delle città con metriche condivise».

PARTNER

In collaborazione con

Community Partner

Con il patrocinio di

Un progetto di

Privacy Policy